Risvegli (e non è ancora città)

È uno dei ricordi più vividi della mia infanzia. Abitavo con la mia famiglia a V., ameno paesino al centro del Campidano, e ancora non mi ero abituata alla routine della scuola. Frequentavo la 1^ elementare e mi mancavano le mattine di bambina libera, in giardino, presa dai miei giochi, dalla bicicletta e da E.,…

In volo

Sa Meri legò il fazzoletto color vinaccia sotto il mento e si rimirò nel frammento di specchio. Lo usava solo una volta all’anno, in quella notte in cui il viaggio era tanto importante e atteso, e sempre si giudicava bella, nel modo in cui lei sola sapeva esserlo, ruvidamente scolpita e possente. Nel grande focolare…

Di rondini e campane

NdA: Per Natale avevo deciso di scrivere un racconto ispirato alla canzone “Carol of the Bells”, uno dei canti delle feste che preferisco. Non avrei mai immaginato che le mie ricerche mi avrebbero portata a cambiare “percorso”: dall’Ucraina negli anni della Grande Guerra a Home alone – Mamma ho perso l’aereo del 1990, i tempi…

Di felicità e biglietti

– Scusa… mi daresti un consiglio? -.Una richiesta timida, dubbiosa. L’ho sentita appena, nel trambusto della corsa al regalo. Due anziane sorelle, in particolare, battibeccavano su una tovaglia da infliggere a chissà chi, con una potenza di fuoco vocale capace di annichilire il buon vecchio Dean Martin. Sarebbe riuscito a tornare a casa per Natale?…

Bagliori

Negli ultimi giorni la città è stata battuta quasi incessantemente da vento e pioggia, eppure le trame del tessuto urbano, piano piano, si sono impreziosite di piccole luci.A pensarci bene, il baluginio ha sempre rappresentato uno degli aspetti più affascinanti del Natale per me, fin da quando ero bambina. Allora trascorrevo serate intere a giocare…

Storie su storie

L’Orto dei Cappuccini è uno dei posti che preferisco, in città. È un piccolo parco, ma possiede una storia antica e affascinante. Il tempo si avverte appena varcato il cancello. Un ritmo diverso, lento, permea l’aria. È come uno squarcio sul passato e in certi orari, quando non c’è molta gente, lungo i sentieri in…

Quello che brilla

La città racconta sempre qualcosa di interessante. Me lo disse una professoressa universitaria, con cui ho avuto la fortuna di passeggiare per le vie del quartiere Castello, a Cagliari, tanti anni fa. Aveva ragione e io all’epoca pensai che parlasse di Londra, dove aveva studiato, vissuto, lavorato. Tempo dopo, però, ho capito che si riferiva…

Piazza G.

Ali scostò dal viso i capelli. Le si erano appiccicati alla fronte e alle guance per via del caldo umido che ancora ammorbava l’aria, nonostante fosse quasi mezzanotte. Certo, anche le acrobazie che stava facendo sui pattini, tra una trottola rovesciata e qualche prova di atterraggio del Salchow e del Toeloop, avevano contribuito a farla…